Un lago di emozioni...

itenfrde

  •  DSC8181
    "...natura è tutto ciò che noi vediamo: il colle, il pomeriggio, lo scoiattolo, l'eclissi, il calabrone... la natura è il paradiso.
    Natura è tutto ciò che noi udiamo!"

    Emily Dickinson

  • foto 1
    "...è nel cuore dell'uomo che la vita dello spettacolo della natura esiste; per riuscire a vederlo, bisogna sentirlo..."

    Jean - Jacques Rousseau

  •  DSC6467

    Grotta dello Schievo

    Un luogo magico nel cuore del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise
  •  DSC7333 2
    "... ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata..."

    Albert Einstein

LAGO DI BARREA: una terra piena di sorprese...

  • La Passione Vivente

    Barrea

    La Passione Vivente
    Gli affascinanti vicoli del centro storico di Barrea, incastonato nella vallata che domina il lago, fanno da scenario alla sacra rappresentazione della Passione Vivente, la cui prima edizione risale al 1987 e si svolge ogni anno il Sabato Santo alle ore 17:00. Tutti i costumi e le attrezzature sono state realizzate artigianalmente ad esempio le corazze, gli elmi e gli scudi dei soldati romani, la biga, il baldacchino di Erode; così come i quadri dell’ultima cena, del Sinedrio, di Erode e Pilato, che hanno luogo su appositi palchi riproducenti scenicamente l’ambiente dell’epoca. La Sacra Rappresentazione, la cui durata è di circa due ore, è accompagnata da un commento parlato e da una base sonora e tutte le scene dei quadri sono recitate da interpreti del posto, che amano profondamente quei ruoli storici; partecipano circa 150 comparse. Oltre i quadri suddetti la Sacra Rappresentazione si compone di altri momenti quali l'ingresso di Gesù in Gerusalemme, la tentazione di Satana, la via crucis, la crocifissione, la sepoltura e la resurrezione.

  • Sagra degli orapi

    Barrea

    Sagra degli orapi
    Tra gli appuntamenti ormai tradizionali del cartellone estivo barreano una nota particolare merita la “Sagra degli Orapi” che si tiene il 13 agosto di ogni anno. Il fitto passa-parola tra turisti e locali ha richiamato ad ogni edizione, nella panoramica “Piazza del Mammarino”, migliaia di persone curiose di conoscere questa specialità e di gustare i piatti tipici che la cucina locale rielabora fedelmente da antiche ricette. L’Orapo (Chenopodium bonus-henricus) è uno spinacio selvatico di montagna che cresce in prevalenza in alta quota fino a 2000 metri e da secoli viene raccolto esclusivamente a mano. Non deve fare ancora freddo e bisogna salire prima che arrivi il caldo quando il manto bianco della neve comincia a ritirarsi. Solo in quel momento si possono raggiungere gli stazzi, tra i pascoli delle pecore, dove il suolo è ricco di azoto e di nitrati. I passaggi delle greggi concimano la terra e fanno nascere l’orapo. L’orapo è una pianta ricca di ferro e di vitamina C e le si riconoscono straordinarie proprietà. Le foglie e i germogli possono essere lessati e gustati come contorno, ma anche accompagnati a legumi (orapi e fagioli) o a “pasta povera” a base di acqua e farina (gnocchetti e orapi). Gli orapi rappresentano una tradizione della cultura pastorale di montagna.

  • Civitella folk festival

    Civitella Alfedena

    Civitella folk festival
    Il Civitella Alfedena Folk Festival offre un programma di alta qualità. Serate musicalmente molto diverse tra loro offriranno allo spettatore la possibilità di spaziare tra la tradizione e l’innovazione, con le sue molteplici influenze di stili e generi, ascoltare gruppi provenienti da diverse aree geografiche italiane ed estere, iscriversi ai laboratori sugli strumenti, partecipare attivamente alla Notte dei tamburi ed assistere, in una magica atmosfera, alla serata conclusiva dedicata alle serenate e ai canti d’amore nella suggestiva Piazza Mercato. Prosegue il partenariato con le rivista on line di musica folk Lineatrad motivo di orgoglio e nello stesso tempo conferma della popolarità nazionale che il Festival ha raggiunto.

  • Il bramito del cervo

    Escursioni

    Il bramito del cervo
    Sta per iniziare la stagione degli amori per il cervo, ovvero la stagione del BRAMITO, uno spettacolo della natura unico di inizio autunno! Ogni anno, dagli inizi di settembre a metà ottobre circa si possono ascoltare i poderosi versi dei cervi in amore; I maschi adulti, solitamente poco visibili abbandonano le loro consuete abitudini e i luoghi prima frequentati, divenendo inquieti e irascibili. Il cervo raduna intorno a sé un harem formato da 5 a 15 femmine che custodisce gelosamente, a prezzo di lotte furiose contro gli altri maschi. La forza e la potenza del bramito dipendono dalla stazza dell'animale e dalle sue condizioni di vita. Questi suoni servono per attirare le femmine, che si muovono in branco, e quando i più “anziani” incontrano altri contendenti, specialmente i più giovani, danno vita a vere e proprie battaglie a suon di incornate che possono terminare, in alcuni casi, anche con la morte di uno dei contendenti. Molti smettono di mangiare ed in un mese possono arrivare anche a perdere molto peso. Fino a metà ottobre passeranno il tempo impegnati a stabilire delle gerarchie di dominio nei confronti degli altri maschi per assicurarsi il diritto ad accoppiarsi con le femmine che a breve andranno in calore, assicurando la riproduzione della specie.

  • Costume Barreano

    Barrea

    Costume Barreano
    Gran parte del vestiario era confezionato da artigiani del posto utilizzando spesso tessuti prodotti in loco. Un esemplare del costume femminile di Barrea è conservato presso il Museo delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma.
    L’”Associazione Volontari Barrea”, dopo un lungo lavoro di ricerca e di attenta analisi delle fotografie conservate dai barreani e soprattutto dell’unico reperto conservato presso il Museo delle arti e tradizioni popolari di Roma, ha riprodotto un modello gemello del costume, utilizzando tecniche antiche: il tessuto è stato realizzato con un antico telaio della tessitrice Valeria Belli, la tintura con colori naturali è stata eseguita dal tintore Alessandro Butta, la lana è stata fornita dal lanificio Scotucci Paolo, la follatura tradizionale in acqua con follante della tintoria Chiodini.

LAGO DI BARREA: cosa vuoi fare oggi ?
24
Mar
Civitella Alfedena
-
Civitella Alfedena
Data: 24 Marzo 2019
L’inverno pian piano lascia il posto alla nuova stagione. La natura risorge grazie alle temperature che

30
Mar
Civitella Alfedena
-
Civitella Alfedena
Data: 30 Marzo 2019
L’inverno pian piano lascia il posto alla nuova stagione. La natura risorge grazie alle temperature che

31
Mar
Civitella Alfedena
-
Civitella Alfedena
Data: 31 Marzo 2019
L’inverno pian piano lascia il posto alla nuova stagione. La natura risorge grazie alle temperature che

06
Apr
Civitella Alfedena
-
Civitella Alfedena
Data: 06 Aprile 2019
L’inverno pian piano lascia il posto alla nuova stagione. La natura risorge grazie alle temperature che

07
Apr
Civitella Alfedena
-
Civitella Alfedena
Data: 07 Aprile 2019
L’inverno pian piano lascia il posto alla nuova stagione. La natura risorge grazie alle temperature che

19
Apr
Barrea
-
Barrea
Data: 19 Aprile 2019
Quattro giorni nel parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise alla scoperta di sorgenti, fiumi e laghi nel periodo migliore per poterli osservare al massimo della loro portata annua: la primavera.

in diretta dal LAGO DI BARREA

località

  • Pescasseroli

    Pescassèroli (/peskasˈsɛroli/ a Péšchë o zë Péšchë in dialetto pescasserolese rispettivamente per gli uomini e per le donne) è un comune italiano di 2.212 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo.
    È sede dell'ente Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

  • Civitella Alfedena

    Civitella Alfedena (IPA: [la tʃʉvəˈtella], in dialetto civitellese) è un comune italiano di 286 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo.
    Borgo medievale immerso nel cuore del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, è un attivo centro turistico.
    Dista 17 km dagli impianti sciistici del valico di Passo Godi, 3 km dal prospiciente Lago di Barrea e 7 km dalla Riserva Naturale della Camosciara.

  • Alfedena

    Alfedena (Fëdena in dialetto locale) è un comune italiano di 880 abitanti della provincia dell'Aquila, in Abruzzo.
    Fa parte della Comunità montana Alto Sangro e altopiano delle Cinquemiglia e del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.
    È il comune situato più a sud della provincia dell'Aquila e della regione Abruzzo, al confine con le provincia laziale di Frosinone e quella molisana di Isernia.

  • Villetta Barrea

    Villetta Barrea (La Villa / La Vëllétta, in dialetto villettese) è un comune italiano di 653 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo.
    Borgo immerso nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, è un attivo centro turistico bagnato dal Lago di Barrea.
    Dista 3 km dalla Riserva Naturale della Camosciara e 13 km dal valico di Passo Godi.

  • Barrea

    Barrea (Varréa in dialetto barreano) è un comune italiano di 713 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo.
    Appartiene alla Comunità Montana Alto Sangro e Altopiano delle Cinque Miglia.
    È una località turistica molto nota grazie alla presenza del lago e al fatto di essere uno dei centri principali del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

  • Opi

    Opi (Opjë IPA: [ˈopjə], in dialetto opiano) è un comune italiano di 408 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo.
    Borgo medievale immerso nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, è un attivo centro turistico, situato a 7 chilometri dalle piste del centro di sci di fondo di Macchiarvana e a circa 3 dalla val Fondillo.
    Fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia.

  • Pescasseroli
  • Civitella Alfedena
  • Alfedena
  • Villetta Barrea
  • Barrea
  • Opi

B&B Da Nonna Lì
Villetta Barrea

B&B Da Nonna Lì

Il calore del legno, la forza della pietra, il fascino silenzioso e spettacolare della natura, sono gli elementi che fanno l'essenza del "B&B da Nonna Lì'". La struttura è convenzionata con i migliori ristoranti.

Albergo Al Luparo
Civitella Alfedena

Albergo Al Luparo

L'Albergo offre 10 camere con servizi privati, TV color, telefono diretto; dispone inoltre di un ampio salone ristorante e di un panorama mozzafiato. Il trattamento previsto è pensione completa o mezza pensione con pranzo e cena.

Hotel Lago Verde
Barrea

Hotel Lago Verde

L'Hotel Lago Verde accoglie gli ospiti in un ambiente familiare. Situato sulle sponde del lago di Barrea, in una meravigliosa conca a circa 1.060 metri sul livello del mare; l’hotel gode di una splendida vista sulla bellezza della vallata e di una posizione ottimale.





punti di interesse turistico



Su questa mappa troverai alcuni spunti per tutti coloro che vogliono approfondire (con dei percorsi tematici) le ricchezze e le attrattive del nostro territorio. Questi percorsi tematici, sono dei suggerimenti che periodicamente verranno aggiornati per consentire al turista che visiterà l'area del lago di Barrea, di avere sempre nuove idee sulle destinazioni del viaggio.
Viaggiare è il modo migliore per scoprire il vero significato di bellezza, ma non è sempre necessario affrontare lunghi viaggi in paesi sperduti e remoti del mondo.
La nostra zona è piena di meraviglie spettacolari e se il vostro prossimo viaggio ha come destinazione proprio il "Lago di Barrea", ecco qualche consiglio se volete cominciare a riscoprire l'Italia partendo dalla "regione verde per eccellenza, l'Abruzzo".
Ecco allora 5 posti assolutamente da non perdere se vi trovate in queste zone...

itenfrde